Intervista a Thomas Kern: "Vengo da te solo come persona".

Per la serie "Je te considere et tu dis" Thomas Kern ha fotografato 61 persone provenienti da tutte le zone del cantone di Friburgo. Nell'intervista parla della creazione della serie, del suo metodo di lavoro e della selezione dei ritratti.

Thomas Kern, sei di casa in Argovia, ma per la 12a edizione della "Indagine fotografica: tema di Friburgo" hai ritratto la gente di Friburgo per un anno intero. come mai

Devo divagare un po'. L'Enquête Photographique Fribourgeoise è un concorso che conosco da molto tempo. Tuttavia, non mi rendevo conto da molto tempo che era aperto anche ai fotografi di fuori cantone e che potevo candidarmi lì. Dopo la mia mostra su Haiti nel 2017, non avevo grandi progetti. Quindi ho trovato interessante candidarmi qui.

Quindi stavi cercando un argomento.

Sì. Non è stato così facile, perché non sono di Friburgo. Non ho un grande reddito. Mi è diventato subito chiaro che volevo fare ritratti, perché mi piace farlo. Non volevo però imporre un tema all'intera faccenda. Ad esempio, non volevo fotografare un certo gruppo etnico o un certo tipo di persone. Volevo lasciarlo aperto. Al momento della candidatura, la grande arte è stata descrivere il progetto su tre pagine in modo comprensibile senza dire alla giuria quali persone nel cantone di Friburgo alla fine avrei fotografato. All'epoca non volevo nemmeno conoscermi, volevo solo lasciare che fosse il caso.

Allora come hai scelto le persone per i tuoi ritratti?

Come parte della mia ricerca, ho letto un libro di Jean-François Haas, scrittore friburghese. In queste novelle, Haas ha descritto in modo non spettacolare la vita di persone a caso in storie molto belle. Ho subito avuto la sensazione che fossero di Friburgo, anche se non era stato dichiarato da nessuna parte. È stata come una guida per me. Così ho iniziato con lui. Poi ho avuto qualche altra persona con cui entrare in contatto. Ad esempio, un coltivatore di tabacco di cui una volta ho fatto un rapporto. Ho chiesto a queste persone di passarmi a qualcuno dopo. Circa l'80 per cento dei contatti è avvenuto tramite referenze.

Altrove hai menzionato la concentrazione tra te e la modella. Che cosa vuoi dire con questo?

Quando si fotografa, dovrebbe sorgere un momento in cui non c'è nulla tra me e la persona fotografata. Nessuna immagine, nessuna maschera. Volevo avvicinarmi il più possibile alle persone. Crea un focus comune. Per me era importante che le opinioni delle persone non fossero ostacolate. Perché ciò consente agli spettatori di guardare all'interno delle immagini. Non appena faccio un ritratto in cui l'espressione facciale è il risultato di un'interazione tra me e quella persona, allora come fotografo possiedo quel momento. Tuttavia, volevo che le persone che guardano queste immagini potessero guardare all'interno delle immagini. E che le persone che ho fotografato guardano gli spettatori esattamente come hanno guardato me.

Come è possibile raggiungere questa concentrazione?

Questo è molto individuale, non c'è una ricetta. Per me era importante parlare con le persone del progetto in anticipo: verrò a casa tua e non c'è motivo. Tranne che qualcuno ha chiamato il tuo nome. Non ci conosciamo e non voglio che tu rappresenti nulla - anche se sei in una squadra di calcio, non verrò a fotografarti come calciatore. Vengo da te come un essere umano. Voglio lasciare fuori tutto il resto. La gente lo capiva.

Che ruolo gioca la tecnologia qui?

Ho scattato le foto in analogico, questo mi è stato chiaro per vari motivi. Da un lato, ci sono cresciuto. È una tecnica che non mi spaventa. D'altra parte, come fotografo, mi costringe a essere più attento, soprattutto con i ritratti. È un processo più lento. Dopo dodici fotogrammi devo cambiare la pellicola. Il ritmo è diverso rispetto a quando espongo 1500 immagini. È anche importante: non devo vedere cosa sto facendo e, soprattutto, non voglio che la persona ritratta veda quello che sto facendo.

Siamo tutti costantemente fotografati in questi giorni. Tanto che scattare foto non è più percepito come l'azione vera e propria. Ma se scatti le foto così lentamente, all'improvviso diventa un atto, che porta le persone al momento in cui dico: "Ora va bene, la luce è giusta, ora non pensare a niente".

Come hai scelto la posizione del ritratto e la posizione del ritratto?

Non mi importava davvero quale sfondo apparisse nell'immagine. Tuttavia, il mio obiettivo è sempre stato quello di scattare una foto interessante. Dato che stavo lavorando con la luce naturale, la scelta in termini di location è stata per lo più minima. Avevo bisogno di un po' di spazio e la luce doveva esserci. Quindi è quello che è successo. Per la postura do istruzioni molto leggere, guardo il linguaggio del corpo per vedere se la persona è a suo agio. Alla fine ci sono pochissime istruzioni. "Guarda nella telecamera, guarda direttamente, per favore chiudi la bocca". Non volevo che le persone ridessero perché è un gesto forte che le mette subito a una certa distanza.

In che misura le persone ritratte sono state in grado di avere voce in capitolo?

In realtà, non gliel'ho nemmeno chiesto. Anche se sento che stiamo facendo qualcosa di molto collaborativo. Era chiaro fin dall'inizio che avrei scattato la foto.

Alla mostra di Thomas Kern...

Alla conferenza di Thomas Kern...

Immagine di copertina: © Luca Zanetti

0 Comments

Lascia un commento

Partecipa alla discussione?
Lasciaci il tuo commento!

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato

Questo sito Web utilizza Akismet per ridurre lo spam. Ulteriori informazioni su come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.