Fotoclub Ebikon: la competizione interna ha colmato il blocco

il Fo­to­club Ebi­kon ha colmato il tempo ineguagliabile di Corona con una competizione interna al club.

il Fo­to­club Ebi­kon di solito si incontra il primo sabato del mese, discute di argomenti fotografici, fa escursioni e scambia idee sulla tecnologia e l'elaborazione delle immagini. Ovviamente questi incontri furono cancellati durante il periodo di Corona.

In sostituzione, il club fotografico ha stabilito un argomento settimanale su cui i membri potrebbero lavorare in modo indipendente, riferisce la presidente Marie Anne Vido. "Materiale per ufficio", "astratto", "luci e ombre" e "strutture" sono alcuni degli argomenti. Ogni lunedì sera i membri del club hanno discusso le immagini tramite Skype. Il club fotografico ha mantenuto virtualmente la vita del club.

Sotto fotoclub-ebikon.ch/themenwork le opere creative possono essere visualizzate. Nel Galleria fotografica ulteriori lavori dei membri possono essere visti.

Anche l'Ebikon Photo Club ne gestisce uno ogni anno Competizione per club e partecipa alla competizione per club Photo Münsingen con una buona classifica.

Questo è solo un esempio di come i club fotografici siano stati creativi nel tempo di Corona.

Immagine di copertina: articoli per ufficio di gruppo, © Judy Fang

Consiglio di lettura: la rivista online 42mm.ch

In cui Pho­to Münsin­gen è To­bi­as Kühn responsabile della comunicazione online. Il giornalista specializzato ha anche lanciato la sua rivista di fotografia online. Su 42mm.ch scrive di fotografia e fotografi in Svizzera.

Come sono stati i fotografi nelle ultime settimane? Qual è il significato della nuova legge sul copyright? Cosa c'è nel suo genere che affascina un fotografo nudo? O come lavora Peter Michels, il maestro del piatto bagnato?

Con il suo Rivista online 42mm.ch volere To­bi­as Kühn creare un mezzo che mostri la Svizzera come fotografo in tutta la sua diversità, scopre le perle ma anche le interroga in modo critico - "indipendentemente dagli interessi del marchio, dai produttori e dai rivenditori", come scrive sul suo sito web. L'attenzione non è sulla tecnologia, ma sulle persone dietro la telecamera, sui loro progetti e sulle loro preoccupazioni.

Non c'è quindi pubblicità su 42mm.ch. La rivista online è ancora una questione di cuore al momento. A più lungo termine, deve essere finanziato da un importo di abbonamento volontario da parte dei lettori regolari.

Per chiunque sia interessato alla fotografia, il newsletter gratuita da 42mm.ch. Fornisce aggiornamenti mensili sugli articoli più recenti, presenta mostre e riassume le novità tecnologiche degli ultimi 30 giorni.

Alla rivista online 42mm.ch ...

Scopri la fotografia con photography-now.com

Dopo il blocco, i musei e le gallerie si riaprono. È tempo di considerare di nuovo lentamente e attentamente l'arte fotografica fisica. Il portale Photographie-now.com pubblica continuamente mostre fotografiche interessanti, spettacolari e silenziose in musei e gallerie di tutto il mondo.

Il Museo fotografico di Winterthur è ora aperto e di nuovo accessibile. La mostra "Fotografi davanti" mostra 140 immagini tra il 1936 e il 2011 di fotoreporter e fotografi documentaristi dalla guerra civile spagnola alla seconda guerra mondiale e dalla guerra del Vietnam ai conflitti più recenti.

La Swiss Photo Foundation presenta una mostra completa di opere di Evelyn Hofer (1922-2009). È stata nominata "La fotografa sconosciuta più famosa d'America" ​​dal New York Times. Le sue intuizioni nelle stanze private e nei ritratti di artisti di fama mondiale così come i suoi studi sociali sono leggendari. Evelyne Hofer ha imparato l'arte della fotografia in Svizzera, con la quale ha mantenuto uno stretto rapporto per tutta la vita.

Dobbiamo aspettare ancora un po 'con le visite in Europa. Ad esempio una visita al Museo fotografico Amsterdam Foam e la mostra di Vivian Maier “Works in Color”.

Ma puoi almeno iniziare a navigare, pianificare e non vedere l'ora di visitare mostre fotografiche. Divertiti!

Patrick Rohr in un'intervista da Amsterdam

Ci piace ricordare la mostra di Patrick Rohr e le visite guidate sull'argomento «Giappone - Lontano da Cherry Blossoms e Kimono» sull'ultimo Pho­to Münsin­gen. Niklaus Messer ha condotto un'intervista con Patrick e voleva sapere come stava, dove stava vivendo il blocco e su quali progetti stava lavorando.

patrickrohr.com

Intervista a Rainer Eder

ARTEXTREM è il nome della mostra di Rainer Eder, prevista quest'anno in soffitta. Se tutto va bene, sarà recuperato in un anno. Nell'intervista poco prima del vialetto, il fotografo sportivo parla della passione per l'arrampicata e del tempo in isolamento.

Rainer Eder è nato in Austria e vive in Svizzera da più di 20 anni. È un professionista da molti anni. L'appassionato alpinista è ora un eccellente conoscitore della scena e lavora principalmente con i migliori arrampicatori su roccia e ghiaccio del mondo, come Ines Papert e David Lama.

Nel 2010 e nel 2013 è diventato finalista al concorso fotografico Red Bull Illume; è stato anche premiato come "Best Mountain Adventure Photo" al Banff Mountain Photography Competition.

www.rainereder.com

Thomas Stöckli: fotografo di snowboard

Quando cerchi affascinanti filmati sportivi per il Pho­to Münsin­gen 2020 ci siamo imbattuti nelle foto di Thomas Stöckli. 

Ci sarebbe piaciuto mostrare i suoi fantastici scatti dinamici con lo snowboard. Sfortunatamente, non ha funzionato per vari motivi. Ora abbiamo ricevuto un'e-mail da Thomas. Dopo anni frenetici combinati con molti viaggi, ora ha usato il tempo Corona per ripulire il suo archivio e il suo sito web.

Thomas Stöckli è nato in Svizzera nel 1978. Lo snowboard è diventata la sua passione. All'età di 23 anni ha dovuto interrompere la sua carriera professionale a causa di un infortunio al ginocchio. Ha colto l'occasione per imparare l'arte della fotografia, da allora ha viaggiato in tutto il mondo e ha documentato la scena dello snowboard freestyle con lo pseudonimo di «Creager».

Nel 2014, il suo stile unico e senza tempo gli è valso il titolo di "Fotografo pubblicitario dell'anno". Il movimento estetico nello sport continua a ispirarlo. Ma si occupa anche di paesaggi meditativi, ritratti e nature morte. Tra le altre cose, dal 2013 fotografa commercialmente l'innovativo marchio di scarpe ON, una storia di successo svizzera.

Link

Immagini: © Thomas Stöckli

"Rifiuti nazionali": il modo ideale per tornare al lavoro

Per quasi otto settimane esatte non ci è stato permesso di visitare nessuna mostra (fotografica) reale, abbiamo dovuto sopportare tour virtuali - il che, tra l'altro, non è stato del tutto negativo, poiché molti espositori e galleristi hanno escogitato alcune alternative originali.

Ora è il momento di tornare lentamente nel vero mondo espositivo. Ho un suggerimento: «Ab­fall na­tio­nal» al Kornhausforum Berna con le fotografie della fotografa di Thun Carolina Piasecki e del fotografo Peter Keller, residente in Ticino. La mostra è un buon inizio di nuovo: non troppo grande, abbastanza spazio senza stress di densità e un argomento che ci riguarda tutti. Ogni svizzero lascia ogni anno circa 350 kg di rifiuti urbani. Come questi rifiuti vengano smaltiti correttamente nello spazio pubblico - o no - i due fotografi lo mostrano in 40 paia di immagini.

E se non ti senti pronto per il vero mondo espositivo, puoi anche fare le foto guarda virtualmente.

"Rifiuti nazionali" nel Kornhausforum Berna, dal 15 maggio al 25 luglio 2020

Con l'Olimpo a Cuba

Niklaus Messer, membro OK di Photo Münsingen, ha avuto modo di conoscere i vantaggi della pratica penna Olympus a Cuba nel 2011. Nelle settimane della chiusura, ricorda la vita colorata all'Avana. E apprende le nuove funzioni della fotocamera nei tutorial Olympus

La Olympus Pen è stata la mia prima fotocamera mirrorless. Al club venivo ridicolizzato, allora tutti facevano affidamento su fotocamere SLR grandi e pesanti con obiettivi grandi e pesanti. Ero orgoglioso della pratica fotocamera dall'aspetto retrò con obiettivi leggeri ma potenti e mirino angolare. La fotocamera mi accompagna accanto a una fotocamera SLR durante un soggiorno più lungo a Cuba. Per ore ho vagato per l'Avana, quasi inosservato, per immortalare la vita colorata degli Habaneros. Viva la vida - viva Cuba! La maggior parte della grande macchina fotografica è rimasta nella Casa.

Nel frattempo sono passato alla OM - DE - M5. La praticità e le prestazioni sono rimaste. L'unica cosa che mi manca è il mirino angolare per la fotografia di strada inosservata. Anche gli schernitori sono scomparsi. Molti colleghi hanno scoperto da tempo i vantaggi delle piccole fotocamere mirrorless.

Olympus offre vari tutorial video e un incontro virtuale. Le idee per i tiri domestici sono mostrate in modo giocoso. E scopri funzioni della fotocamera ancora sconosciute. A 'A casa con l'Olimpo' ...

E se hai voglia di scattare qualche foto a Cuba ...

Wolfgang Bernauer: "Il mio villaggio greco"

Nel suo libro illustrato "Il mio villaggio greco", Wolfgang Bernauer mostra impressioni dalla vita della popolazione rurale greca che difficilmente si trovano oggi.

Il libro è una documentazione che mostra la popolazione rurale primitiva nel loro lavoro quotidiano e nelle riunioni sociali. Sono ritratti di persone che hanno molto da raccontare e che raccontano molto in queste immagini.

"Un eccellente esempio di documentazione storica contemporanea con ritratti impressionanti che sono stati realizzati con fotografie eccezionali", scrive Urs Tillmanns di fotointern.ch nel suo suggerimento sul libro.

Alla descrizione del libro su fotointern.ch ...

inaccessibile

Durante la crisi Corona, i grossisti svizzeri sono obbligati a rendere inaccessibili ai clienti tutte le aree in cui vengono offerti articoli che non servono l'immediata fornitura di base.

Adrian Moser ha visitato Migros Marktgasse a Berna, dove la maggior parte del seminterrato è delimitata e non è possibile accedervi fino a nuovo avviso.

Alla Foto Münsingen 2019 Adrian Moser ha esposto una sezione trasversale del suo lavoro come fotografo di stampa. Nato a Bienne nel 1966, lavora come fotografo professionista dal 1994. Dal 2002 è capo fotografo ed editore di immagini per il quotidiano "Der Bund", anche freelance per agenzie, riviste e giornali, nonché curatore di mostre e formatore di fotografi. Di recente è stato con il Premio Swiss Press Photo premiato nella categoria Daily Life.

https://www.adrianmoser.ch