• Mostra 2019

    Christian Bobst, I doppi profughi di Shatila

  • Luogo

    Kirch­ge­mein­de­haus, Sala camino

  • Visite guidate

    Giovedì e domenica alle 14.00:XNUMX

I doppi profughi di Shatila

Shatila è un campo profughi palestinese nel sud di Beirut. È stato costruito per un numero di circa 3000 persone dopo la guerra arabo-israeliana del 1949 per ospitare i profughi palestinesi che sono fuggiti o sono stati sfollati durante l'esodo palestinese del 1948. Shatila compirà 2019 anni nel XNUMX ed è uno dei campi profughi più antichi del mondo.

Ci sono 12 campi profughi palestinesi in Libano con un totale di circa 500 rifugiati registrati. Il paese confinante con il Libano, la Siria, ha offerto una volta altri 000 rifugiati palestinesi alloggio in 560 campi. Dall'inizio della guerra civile siriana, più di 000 palestinesi nati in Siria sono fuggiti dalla Siria e sono diventati i cosiddetti "doppi profughi". Di conseguenza, il numero di rifugiati a Shatila è passato da 13 nel 110 a circa 000 persone, che ora sono ammassate in circa un chilometro quadrato.

Di tutti i paesi vicini alla Siria, il Libano ha accolto la maggior parte delle persone in cerca di protezione in relazione alla sua popolazione. Tuttavia, non ricevono né vitto né alloggio dallo Stato. E ottenere un permesso di lavoro è praticamente impossibile. Di conseguenza, i rifugiati a Shatila vivono in grande povertà. Il campo ha anche presumibilmente una delle più alte popolazioni urbane del mondo e sta scoppiando, un labirinto di cemento scuro e affollato con alti tassi di criminalità e un alto numero di attacchi contro le donne

I profughi nel campo condividono tutti una speranza: lasciare la prigione il prima possibile e volare in un altro paese.

Christian Bobst

Il fotografo di reportage Christian Bobst ha studiato inizialmente graphic design. Per quasi 15 anni ha lavorato per agenzie pubblicitarie come Wirz, Advico, Young & Rucicam e Jung von Matt in Svizzera e Germania e ha ricevuto diversi premi internazionali per il suo lavoro. Nel 2010 ha avviato la propria attività e ha iniziato a lavorare come fotografo documentarista freelance. Da allora ha realizzato numerosi reportage fotografici e commissioni in Europa, Africa, Asia, Nord e Sud America. Il suo lavoro è stato pubblicato su riviste, quotidiani e media online come Stern, The Guardian, NZZ, Die Zeit, The New York Reviews of Books, Huffington Post, LensCulture e Geo. Nel 2016 ha vinto, tra l'altro, il 2 ° premio del World Press Photo Awards nella categoria Sport Stories, nel 2017 gli è stato assegnato il vfg Swiss Photo Award, il Photo Prize del Canton Soletta e negli USA all'NPPA e al PDN Photo Annual. Christian Bobst vive a Zurigo ed è membro dell'agenzia fotografica laif in Germania.

www.christianbobstphotography.com

Sponsor principali

Nikon
Zumstein Foto Video FOTOVISIONE

Sponsor

Münsingen
fotointern.ch
Finanziamento culturale del Canton Berna